Rifiuti elettronici, tutto oro quel che luccica. Oltre 12 miliardi di euro finiscono in discarica

22 giugno 2014

Si apre una nuova frontiera del business. I rifiuti elettronici nascondono ingenti quantità di metalli preziosi, tra cui oro e argento che, specialmente in Italia, dovrebbero essere smaltiti in un modo corretto. Uno smaltimento giusto porterebbe al recupero di ben 320 tonnellate di oro e 7.000 tonnellate d’argento, il cui valore si aggira sui 15 miliardi di euro. Il problema è che solo il 15% (2,5 mld) viene recuperato. Secondo l’Enea,  “il recupero di metalli preziosi dai Raee (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) è un settore dal grande potenziale economico, basti pensare che ogni anno si producono nel mondo dai 20 ai 50 milioni di tonnellate di rifiuti hi‐tech”. Il settore potrebbe quindi conoscere una veloce espansione e rappresentare un’occasione di investimento per nuove imprese. Intanto, un team di studiosi del Politecnico di Milano ha messo a punto un dispositivo che riesce a smaltire separatamente le schede elettroniche dal resto dell’apparecchiatura e a breve verrà utilizzato.

 

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Aumentano le bollette luce e gas. Codacons: "Una batosta per gli italiani"


Commenti